IL REDDITO DI INCLUSIONE SOCIALE NELLE MARCHE

IL REDDITO DI INCLUSIONE SOCIALE NELLE MARCHE

CERISCIOLI: “STRUMENTO STRAORDINARIO CONTRO LA POVERTÀ ANCORA POCO CONOSCIUTO DAI CITTADINI”.

I cittadini marchigiani in condizione di povertà possono richiedere un sostegno economico concreto e già attivo, che viene erogato mensilmente: il #REI #RedditodiInclusione, "uno strumento straordinario contro la povertà - così lo ha definito questa mattina in conferenza stampa il presidente Ceriscioli - che in Italia e nella nostra Regione non c’è mai stato".
Questa misura, attiva dal 1 gennaio 2018, è rivolta per ora ai nuclei familiari, anche monoparentali, in base alla valutazione della condizione economica. Dal 1 luglio 2018, grazie alle risorse aggiuntive previste nella legge di bilancio 2018, il REI diventerà universale: verranno cioè meno i requisiti familiari e resteranno solo i requisiti economici.  
Il REI è costituito da due elementi: un beneficio economico mensile compreso tra 187 e oltre 500 euro, erogato attraverso una carta di pagamento elettronica (Carta REI), e un progetto personalizzato per ciascun beneficiario, finalizzato al superamento della condizione di povertà attraverso una stabile inclusione sociale e lavorativa. 
Complessivamente per questa nuova misura, per il 2018, lo Stato ha stanziato 1,8 miliardi di euro. Il 15 per cento di questo stanziamento dovrà essere utilizzato per i servizi di orientamento al lavoro che affiancano il contributo (5,6 i milioni di euro a ciò destinati nelle Marche per il 2018, a cui si aggiungono, per i prossimi due anni e mezzo, oltre 20 milioni tra fondi Fesr e altre linee di finanziamento). 
Sono attualmente 1.340, 2 ogni 1.000, le famiglie residenti nella Marche che ne beneficiano. Le persone coinvolte sono 3.341, 22 ogni 10.000 residenti, e l’importo medio mensile del sostegno economico è di 256,74 euro (dati al 23 marzo scorso). 
“Su una stima che vede 38 mila famiglie marchigiane in povertà assoluta, le domande fino ad ora pervenute sono meno di quanto ci si potesse aspettare.  – ha detto Ceriscioli – Fare richiesta è sempre possibile, le domande sono aperte. Si tratta di una delle più grandi innovazioni sociali, dopo che da 30 anni se ne parlava. E’ importante per l’Italia e per le Marche che anche il prossimo Governo continui su questa strada”. Nelle Marche sono attivati 226 punti REI, dove reperire informazioni ed essere assistiti nella presentazione della domanda.

Per conoscere i requisiti per ottenere il REI, i criteri e le modalità di erogazione e i punti REI a disposizione dei cittadini clicca qui: http://www.regione.marche.it/In-Primo-Piano/ComunicatiStampa//id/27133/p/1/IL-REDDITO-DI-INCLUSIONE-SOCIALE-NELLE-MARCHE-CERISCIOLI-STRUMENTO-STRAORDINARIO-CONTRO-LA-POVERT-ANCORA-POCO-CONOSCIUTO-DAI-CITTADINI- 
oppure scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.